“Seated Nude” by Andrea Simoncini.

Seated nude
Qualche giorno fa qualcuno ha commentato un mio annuncio pubblicato su Facebook nel gruppo “Annunci su Milano (o qualcosa del genere)”. Nel corpo dell’annuncio ho messo il link sul mio Tumblr, in modo che le persone interessate ad una collaborazione potessero visualizzare le mie immagini. Il commento era questo:
“bellissima la foto dove si vede il seno cadente e il chiaroscuro sull’adipe del girovita, davvero interessante…”.
All’inizio volevo scrivere qualcosa del tipo “La ringrazio per aver apprezzato l’immagine” ma alla fine ho scritto solo “Grazie <il suo nome>”. Subito dopo è arrivato un’altro commento:
“ma non è la sola. ad esempio è molto significativa anche quella dove le mammelle flaccide e smagliate si appoggiano al finestrino dell’auto e tu hai quall’aria pensosa, col viso appassito con gli occhi a pesce. spettacolare…”.
Se fosse sulla mia pagina avrei lasciato il tutto così com’è, magari continuando quella discussione interessante. Ma visto che si trattava di un annuncio messo in un gruppo pubblico ho cancellato tutta la conversazione, ho segnalato il profilo di quel personaggio (falso come uno di miei incisivi) e l’ho bloccato. Più tardi ho trovato un’altro messaggio su Tumblr che ho deciso di commentare pubblicamente:
“sei proprio un cesso notevole, complimenti se riesci a farci qualche soldo. dico sul serio.”.
Visto che ha nominato il guadagno del quale su quel blog non si dice nulla era abbastanza logico che l’autore di quel messaggio era lo stesso dei commenti su Facebook.
Lui descrive “il seno cadente”, “l’adipe del girovita”, “le mammelle flaccide e smagliate” e il “viso appassito con gli occhi a pesce”. Ma dai! Credevo di essere una bionda di 20 anni, alta 1 e 80 e con le tette che non sanno cosa vuol dire la gravità! Mi hai aperto gli occhi!
Ora. So che non ho un aspetto da vendere. Non l’ho mai avuto. Neanche quando avevo 23 anni e pesavo 50 kg. Quando mi contattano per una collaborazione è perché serve un soggetto particolare (capelli rossi, pelle chiara, corpo voluminoso) o perché serve interpretare un personaggio che si avvicina al mio. La cosa che mi fa incazzare è che le opinioni del genere di norma si esprimono in anonimato e che il punto che cercano di colpire è l’aspetto. Non mi sembra di aver mai nascosto i miei difetti, basta vedere quello che pubblico per capirlo. Piuttosto mi sembra che le persone del genere credono che dire “sei un cesso” è molto più offensivo che dire “sei un ignorante” o “sei piena di se”. Inoltre mi stupisce che la maggior parte delle persone che hanno a che fare con la fotografia credono che il bello è quello che fanno vedere in tv o sulle riviste (quando sanno benissimo quanto lavoro di post produzione c’è dietro ogni immagine pubblicata). Non è che l’apparire è diventata un esigenza solo ultimamente. Solo che ingenuamente credevo che il sentire fosse molto più importante. La percezione del bello cambia da un essere all’altro e di mezzo c’è l’educazione, il livello della cultura, il luogo di provenienza, l’età e tante altre cose. Ma sembra che spesso quell’essere ignora tutto questo, preferendo l’immagine preconfezionata che gli viene venduta dai media. E’ triste. Ed è triste che si scartano le persone solo per il loro aspetto. Non parlo di me. Oltre l’aspetto ho un pessimo carattere e una vita che a parte rari momenti positivi è una fogna. Ma quante opportunità uniche sono state perse solo perché l’aspetto di alcuni (la maggior parte) di noi non rientra nei parametri chiamati “bellezza”?
“Seated Nude” by Andrea Simoncini Gibson (un artista che va oltre l’apparire).

Advertisements

7 thoughts on ““Seated Nude” by Andrea Simoncini.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...